AMMISSIONE

Il master PROMOITALS è rivolto a chi abbia conseguito la laurea triennale/magistrale del nuovo ordinamento o la laurea quadriennale. E' rivolto altresì a chi abbia conseguito un titolo universitario conforme, che dovrà essere valutato dal Comitato ordinatore.

Per gli stranieri è richiesta una adeguata conoscenza della lingua italiana parlata e scritta (livello B2 o superiore del Quadro comune europeo, corrispondente alla certificazione CILS, CELI, PLIDA, ROMA 3 di livello B2/C1 ), che potrà anche essere autocertificata; autocertificando il proprio livello di conoscenza, lo studente si rende garante della propria capacità di seguire il corso (vale a dire, della capacità di leggere i materiali distribuiti per i moduli in autoformazione e di quella di comprendere i docenti nelle lezioni frontali, di svolgere per iscritto le attività previste per i diversi moduli e la tesina finale). Il colloquio di ingresso ha carattere motivazionale e non costituisce un momento di valutazione della competenza linguistica; il suo superamento non garantisce la capacità linguistica necessaria per seguire il master.

La selezione delle domande per l'ammissione avverrà sulla base della valutazione del curriculum (percorso di studi, eventuali pubblicazioni, attività didattica nel settore dell'italiano L2/LS, attività di promozione della lingua e della cultura italiana pregresse) e di un colloquio finalizzato ad accertare le motivazioni e le attitudini del candidato alla frequenza del master.

Per i candidati stranieri o italiani all'estero è possibile effettuare il colloquio a distanza purché risulti accertata la loro identità secondo le norme previste dal bando.

Per l'a.a. 2016/2017 il numero dei posti disponibili è fissato in un minimo di 30. L'Università si riserva di verificare se sussistano le condizioni per ampliare il predetto contingente di posti.

Per chi ha un titolo di studio conseguito all'estero si raccomanda di provvedere per tempo alla documentazione necessaria da allegare al modulo per l'ammissione:

  • copia del titolo di studio;
  • traduzione in italiano e legalizzazione (rivolgersi CON ANTICIPO alla Rappresentanza Diplomatica nel Paese ove si è conseguito il titolo);
  • dichiarazione di valore, rilasciata dalla stessa.